Menu

Implantologia a carico immediato

Implantologia a carico immediato

Implanto-protesi a funzione immediata

La funzione masticatoria può essere compromessa per vari motivi: carie destruenti, denti vacillanti e protesi non più funzionali. Conseguentemente c'è un'alterazione dell'estetica che limita la normale vita di relazione. L'unica alternativa per riavere una dentatura stabile e duratura si realizza nell'inserimento di impianti in titanio in numero e posizione idonea per avvitare una protesi fissa.

Nel nostro Studio oggi possiamo riabilitare i pazienti, ovviamente in casi ben selezionati, con un ponte fisso di 10/12 denti avvitati su quattro impianti con la procedura di carico funzionale immediato secondo la metodica del “Columbus Bridge Protocol”.

Si procede inizialmente con l'estrazione dei denti residui compromessi e con l'immediato posizionamento inclinato degli impianti in titanio (Impianti Biomet 3I). A questa fase segue l'impronta e a distanza di 24/48 ore viene fissato il ponte, garantendo così il bloccaggio immediato degli impianti appena posizionati e una guarigione ossea ottimale.

La tecnica permette in un arco di tempo molto limitato di restituire il sorriso al paziente, favorendo l'immediato recupero della funzione masticatoria, dell'estetica e il recupero delle normali attività legate alla vita di relazione umana e professionale.

L'intervento viene eseguito in sedazione cosciente con la collaborazione di un medico anestesista; ciò fornisce un maggiore confort al paziente e un attento monitoraggio clinico durante l'intervento e nell'immediato post-operatorio.

1° Caso

Riabilitazione di entrambe le arcate su impianti. Situazione anatomica caratterizzata da carenza di osso che renderebbe critica la riabilitazione tradizionale con protesi mobili.

N.B. La 3° foto evidenzia le zone di emergenza degli impianti che devono essere pulite dal paziente per il mantenimento nel tempo. Tali zone sono comunque coperte dai tessuti molli, per cui non visibili nel sorriso (vedi 4° foto)

2° Caso

Riabilitazione impiantare con carico immediato arcata inferiore e protesi totale mobile superiore. Ripristino dei normali rapporti tra arcata superiore e inferiore.

3° Caso

Estrazione dei denti residui dell'arcata inferiore e sostituzione con quattro impianti e undici denti fissi avvitati sugli impianti.

4° Caso

Paziente giovane con malattia parodontale rapidamente progressiva tale da comportare l'estrazione di tutti i denti dell'arcata superiore e riabilitazione fissa avvitata su quattro impianti con consegna in 48 ore.

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di offrirvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Tutti i dettagli relativi l'utilizzo dei cookie sono consultabili al seguente link Privacy Policy.

Accetto cookie